Sostenibilità: ecco il bilancio sociale di sostenibilità 2020/2021 di Altromercato prodotto in collaborazione con eAmbiente Group.

Vera Manenti, direttore commerciale e marketing eAmbiente Group “lavorare con loro è stato molto bello, e i risultati sono stati eccellenti”

eAmbiente Group ha lavorato a fianco di Altromercato per il bilancio di sostenibilità. 

È stato un impegno importante, ma anche una bellissima esperienza” dice Vera Manenti, direttore commerciale e marketing di eAmbiente Group che ha seguito la presentazione del lavoro avvenuta a Milano lo scorso 31 marzo. “Noi collaboriamo con moltissime aziende della più varia natura, alcune molto grandi, altre con fatturati più ridotti. L’esperienza fatta con Altromercato è stata certamente significativa anche per la natura stessa e per l’approccio che hanno sul loro “business”.
Altromercato è “sostenibile” di per sé, e per questo motivo abbiamo lavorato con grande attenzione sulla pianificazione del lavoro e su quelli che potremmo definire i pillar del loro approccio al mercato. Ovviamente la soddisfazione è enorme sia dal punto di vista professionale che da quello della filosofia che sottende tutto il mondo Altromercato”
.   

Altromercato presenta il proprio bilancio sociale di sostenibilità 2020-2021

“Siamo fatti per agire” - I numeri del primo bilancio sociale di Altromercato 

Una fotografia degli impatti sociali di un’impresa sociale da 34 milioni di fatturato, 87 soci con 225 punti vendita in 74 provincie in Italia, 3000 volontari, quasi 200mila follower sui canali social e milioni di consumatori e consumattivisti che scendono nelle piazze fisiche e virtuali, che agiscono nel concreto per cercare un cambiamento e che ci mettono la faccia.

  • Le donne al centro degli impatti sociali: l’82% dei produttori con cui collabora Altromercato ha progetti per l’empowerment femminile e il 58% assegna alle donne ruoli di responsabilità.
  • Crescono dell’8% le vendite di food certificato da agricoltura biologica, come grande attenzione all’ambiente, il packaging food a marchio Altromercato diventa differenziabile per il 99% in peso dei materiali di imballaggio dei prodotti venduti.
  • Si registra una crescita del +12% di acquisti food e materie prime dai produttori.
  • Cresce anche la cooperazione integrata e innovativa del Protocollo Made in Dignity con la creazione di progetti di filiere etiche dello zucchero e del cacao, realizzati con importanti partner industriali.

Altromercato, la maggiore organizzazione di Commercio Equo e Solidale in Italia e la seconda al mondo, presenta giovedì 31 marzo 2022, nella Chiesetta di San Carlo alle Rottole, in via Palmanova 20 a Milano, il proprio bilancio sociale. 

Una fotografia degli impatti virtuosi dell’impresa sociale formata da 87 dipendenti di cui il 54% donne, con 34 milioni di fatturato, 87 soci e 225 punti vendita in 74 provincie in Italia, 3000 volontari di cui 87% donne che mira a favorire il mercato equosolidale senza marginalizzazione né sfruttamento, e a proteggere e rispettare il nostro pianeta.

“Chi ci conosce sa che la sostenibilità non è per noi un bel vestito ma bensì quello che c’è sotto il vestito, un insieme di valori che hanno dato vita ad Altromercato e che da oltre 30 anni ci spronano a operare ogni giorno per attuare un piccolo cambiamento lungo le filiere produttive. Raccontare il risultato complessivo di questi piccoli cambiamenti, serve a dimostrare un modello economico realmente capace di cambiare l’economia lungo le filiere sia produttive che distributive” afferma Alessandro Franceschini, presidente di Altromercato.

L’impresa sociale promuove un consumo responsabile critico di scelta e di orientamento ai diritti con il raggiungimento di quasi 200mila follower sui canali social e milioni di consumatori e consumattivisti, consumatori che scendono nelle piazze fisiche e virtuali, che agiscono nel concreto per cercare un cambiamento e che ci mettono la faccia.

“Abbiamo deciso di raccontare il nostro bilancio sociale di sostenibilità che descrive tutto quello che Altromercato sta realizzando, concentrandosi su 3 pilastri che ci hanno reso una realtà nativa sostenibile. Prosperity for People and Planet è il nostro modello che crea valore distribuito e benessere condiviso in una dimensione di lungo periodo, che genera impatti principalmente di valenza sociale e comunitaria, e che include sempre l’aspetto ambientale, perché la crescita economica e sociale non possono prescindere dalle condizioni planetarie” afferma Valeria Calamaro Responsabile Marketing e Sostenibilità Altromercato.

Il primo bilancio sociale di Altromercato Impresa Sociale è consultabile a questo link ma i tre pilastri possono così essere sintetizzati: 

Prosperity: il valore creato dalla filiera Altromercato

Altromercato sceglie di non parlare di profitto ma di Prosperity che significa benessere condiviso: realizzare un commercio sostenibile che crea valore e lo distribuisce, portando un impatto positivo concreto per tutti gli attori della filiera, dal produttore al consumatore. 

Con Prosperity si indica anche trasparenza nelle azioni commerciali, a partire da un compenso equo riconosciuto ai produttori e un prezzo trasparente spiegato con chiarezza al cliente finale. L’esercizio 2020/2021 si è chiuso con una perdita di 779 mila euro, in linea con quanto previsto in sede di presentazione di budget - come necessità di investimenti iniziali per l’avvio del Piano Industriale stesso - ma il valore della produzione netta è cresciuto del 13% rispetto al 2020 passando dai 30,245 milioni di euro dell’anno precedente ai 34,258 dell’ultimo anno sociale, andando ad impattare positivamente sull’acquisto ai produttori. Una crescita che ha interessato la gran parte dei canali di vendita, con risultati particolarmente positivi nel canale delle Botteghe Altromercato (gestite dalle Cooperative socie) e dei partenariati industriali. 

Prosperity è anche maggiore facilità di accesso al credito per le piccole realtà con limitate dimensioni commerciali. Nel 20-21 Altromercato ha accolto il 100% di richieste di prefinanziamento (pagamento anticipato su ordine di acquisto) erogando un valore pari a quasi 5,2 milioni di Euro, a favore dei produttori nel sud del mondo in incremento significativo rispetto all’anno precedente, in un anno delicato di tempesta perfetta come quello della pandemia.

Si registra una crescita del +12% di acquisti food e materie prime dai produttori.

Elemento fondamentale è la relazione diretta e continuativa che Altromercato intrattiene con i suoi produttori. Dialogo e condivisione sono elementi che costituiscono la base delle relazioni nel Commercio Equo e Solidale. 

Distintivo è inoltre il sistema eticamente orientato e partecipato di finanza etica, basato sul prestito sociale, ricorso a banche con codice etico, ingresso di soci finanziatori orientati al social impact e affiancamento della nuova Fondazione Altromercato.

People: un network duraturo che migliora le condizioni di vita

Al centro del bilancio sociale di Altromercato ci sono le persone, le loro storie e i loro diritti. Altromercato vanta relazioni durature e continuative di oltre 9 anni, con oltre il 25% dei produttori, questo grazie alla consapevolezza e volontà di diffusione di quelli che sono gli impatti sociali diretti e indiretti generati sulle persone lungo la catena.

Dal primo Osservatorio Sostenibilità Produttori in cui si è analizzato, grazie alle loro risposte, anche l’impatto sociale, il 59% degli intervistati riporta migliori condizioni di vita, aumento del reddito e del tasso di impiego, grazie alle attività con Altromercato

Il 67% delle organizzazioni ritiene di dare lavoro a fasce deboli della popolazione arrivando a toccare punte dell’82% in Asia. Ha misure di sicurezza e tutela del lavoratore Il 67% delle organizzazioni riesce ad offrire servizi sanitari e di salute, il 95% ha programmi di sicurezza sul lavoro e di coinvolgimento dei soci e lavoratori

Il 95% di queste coinvolge lavoratori nei processi decisionali sulle questioni che li riguardano direttamente.

Sempre dall’Osservatorio, emerge una grande attenzione per progetti dedicati ai giovani e il 69% ha progetti di formazione professionale dedicati a loro. 

Empowerment femminile. Altromercato, si pone con autorevolezza e attivismo contro discriminazioni, diseguaglianze, sfruttamento, e offre pari opportunità, empowerment e riscatto sociale, innovazione e formazione.

L’82% dei produttori ha progetti per l’empowerment femminile e il 58% offre loro ruoli di responsabilità. Il 65% considera tra le fasce deboli a cui dà lavoro, quella delle donne in difficoltà - considerata la fascia più fragile socialmente - e nel caso dei produttori in Africa viene indicato il 100%. 

Nel caso di Altromercato (team dipendenti) il 54% del personale è donna, le assunzioni nuove sono state per il 62% donne e vi sono agevolazioni per la maternità e la flessibilità nel lavoro. Le donne sono il 29% del CdA e il 40% dei responsabili di area e unità.

Il Protocollo Made In Dignity Altromercato mette al centro di tutto la dignità del lavoro, non solo a sud del mondo, ma in tutte le declinazioni del sistema Altromercato. Made in Dignity è un modello innovativo di cooperazione integrata, un accordo che pone al centro la dignità della persona e la dignità del lavoro e vede Altromercato - per il quale il commercio e la cooperazione sono strettamente legati alla relazione tra le persone - come regista, garante e responsabile di una filiera equa e sostenibile che porta a un impatto economico, sociale e ambientale per tutti gli attori coinvolti in esse. Tre progetti pluriennali presentati per zucchero e cacao, le cui parole chiave sono co progettazione e co design oltre il profit e nonprofit, relazione diretta dei partners (comunità locali, distribuzione o industria e partner scientifici), impatti e impegno a lungo termine, trasparenza e tracciabilità, a volte con Blockchain. 

Planet: verso un’agricoltura positiva, una logistica responsabile e un packaging sostenibile

Altromercato punta a creare un commercio che rispetti l’ambiente attraverso filiere trasparenti in grado di concretizzare l’impegno costante nella lotta al cambiamento climatico. Per questo promuove un’agricoltura positiva, consapevole, attenta ai territori e alle comunità e alla ricerca del miglior equilibrio tra le possibilità, la progettualità e la capacità dei produttori in loco. Sempre sulla base dei dati raccolti attraverso l’Osservatorio sulla sostenibilità, per le filiere e alla base dei propri prodotti, i numeri legati all’agricoltura biologica per chi produce food sono: produzione biologica per l’82%, il 36% produzione naturale o a lotta integrata, il 30% in conversione verso biologico.

Altromercato sostiene le coltivazioni biologiche che proteggono la biodiversità: nel 2020-21 ha lavorato con una rete bio di 69 produttori e fornitori per la fornitura di alimenti e materie prime. Le vendite di food certificato da agricoltura biologica sono cresciute dell’8%, seppure in misura minore rispetto alle vendite generali (+16%). Nel comparto dell’alimentare confezionato Altromercato, esse rappresentano oltre il 70% del valore totale ed il 57% delle referenze in offerta. Il primo mondo bio è il cacao-cioccolato, segmento in cui l'82% delle vendite è bio. Per il caffè il 62%, per lo zucchero addirittura il 98%.

Particolare attenzione viene data a una logistica responsabile e a packaging sostenibili e sempre più riciclabili a fine vita. Dal 2019/2020 al 2020/2021 la percentuale di consegne via mare è aumentata del 6,8%, con una conseguente riduzione delle spedizioni per via aerea, significativamente più impattanti.

Altromercato è 100% green energy e in ottica di uso efficiente delle risorse naturali, ha raggiunto la percentuale del 98% come impiego di materie prime rinnovabili nel food.

Nel packaging food a marchio Altromercato, il 99% del peso dei materiali di imballaggio dei prodotti venduti è differenziabile, di questi è riciclabile il 91% e l’8% è termo valorizzabile, l’1% compostabile. Grazie ai progetti avviati nel food, a parità di vendite, nel 2020-2021 si sono ridotti i pesi di rifiuti immessi per oltre 4000 kg ed è stata ridotta la plastica (da fonte non rinnovabile) a favore della carta per oltre 3800 kg.

Prendendo solo la linea cioccolato Mascao è stato portato a termine un progetto che a parità di vendite porterà oltre 7000 kg di imballi a essere certificati da fonti gestite responsabilmente e ridurre la plastica per oltre 1300 kg.

 

***

ALTROMERCATO, LA SCHEDA

Altromercato è la principale realtà di Commercio Equo e Solidale italiana e tra le più grandi al mondo. È una Impresa Sociale – Soc. Coop. formata da 87 Soci e 225 Botteghe, gestisce rapporti con 140 organizzazioni di produttori in oltre 40 paesi, nel Sud e nel Nord del mondo. Il lavoro di centinaia di migliaia di artigiani e contadini viene rispettato ed equamente retribuito, perché si basa su una filiera trasparente e tracciabile, che tutela i produttori, l’ambiente e garantisce la qualità dei prodotti. 

Altromercato propone prodotti che hanno una caratteristica comune: sono buoni per chi li sceglie e per chi li produce. La sua gamma si compone di prodotti alimentari, molti dei quali biologici, anche freschi e una selezione di prodotti tipici italiani (Solidale Italiano), una linea di igiene e cosmesi naturale (Natyr), articoli di artigianato per la casa e ricorrenze, abbigliamento e accessori della linea di moda etica. 

Le principali referenze sono presenti in 2000 negozi specializzati bio, oltre che in ristoranti, mense scolastiche, bar ed erboristerie, Gruppi di Acquisto Solidale. 

Con Altromercato si alimenta un’economia sana, un circolo virtuoso - dal produttore al consumatore - che dura da trent’anni, uno stile di vita sostenibile per tutti.

Foto in copertina: http://www.altromercato.it

eAmbiente entra a far parte del Gruppo IMQ

30/09/2022

Il primo bilancio di sostenibilità di eAmbiente

16/09/2022

eAmbiente Group a fianco di Invimit per il progetto di rigenerazione dell’ex Manifattura Tabacchi a Bari che riceverà un contributo di 20 milioni di euro di fondi nell’ambito del PNRR

09/09/2022

Strategie e proposte per infrastrutture sempre più sostenibili

28/07/2022

Il punto di Gabriella sulla sostenibilità nelle infrastrutture

27/07/2022

Progetto XPRESS, eAmbiente alla Final Conference a Bruxelles

30/06/2022

DNSH - Do Not Significant Harm

19/05/2022

La sfida

19/05/2022

Diabolico perseverare, dagli errori si deve imparare. Chiacchierata romana con Chicco Testa.

19/05/2022

Il nostro augurio di Pasqua

15/04/2022

eAmbiente Group partner di Intesa Sanpaolo per il laboratorio ESG del nordest

10/03/2022

Indagini sul ghiaccio

10/03/2022

Innovatori dell’umano, partendo dall’ambiente

10/03/2022

Tassonomia: sarà la guida per gli investimenti futuri

10/03/2022

Intervista al professor Carlo Carraro: dai trasporti agli investimenti, ecco i cardini della transizione ecologica del nostro Paese

10/03/2022

A passi spediti nella rivoluzione PNRR

27/01/2022

La notizia (che ormai è diventata una triste realtà) è che il costo dell’energia è arrivato a 130€/MWh

18/01/2022

Gli auguri di eAmbiente Group: 2021 un anno di crescita nella prospettiva di un 2022 all'insegna della transizione ecologica

29/12/2021

ESG – la chiave di volta per la transizione ecologica

16/11/2021

Giulia Moraschi, direttore tecnico di eAmbiente Group durante il SAIE ha tenuto un seminario dal titolo “Per una effettiva sostenibilità delle infrastrutture”

19/10/2021

Impatto reale calcolato con l’analisi del ciclo di vita e la variabile costi (L.C.C. Life Cycle Costing) e l'analisi del ciclo di vita (L.C.A.: Life Cycle Assessment)

18/10/2021

L'eolico misura la sua sostenibilità

27/05/2021

L’Autorità di sistema Portuale del Mar Ionio sceglie ePlat.1, la cloud application di eAmbiente per la gestione digitale dei dati dati e kpi ambientali delle imprese e dei Cantieri di bonifica

05/05/2021

La finanza, elemento imprescindibile per la transizione green

15/04/2021

Sostenibilità, il futuro parla già al presente

07/04/2021

eAmbiente annuncia collaborazione con Pro-Gest. Economia Circolare made in Italy

02/04/2021

Essere sostenibili: un dovere, oggi - Case History Saviola Holding

25/03/2021

LE PAROLE DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO

16/12/2020

CHE COS’É UN SISTEMA DI GESTIONE?

24/11/2020

É VERO. NESSUNO SI SALVA DA SOLO. CON LA FRATERNITÁ SI ESCE DALLA CRISI

26/10/2020

CARTIERA DI MANTOVA, IMMINENTE L’AVVIO DELLA PRODUZIONE

16/10/2020

Con il lockdown gli italiani sono diventati più green

06/10/2020